logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Rocca Pietore

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Luglio  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
             

News

INTERVENTI PER IL RIPRISTINO DEL PATRIMONIO ABITATIVO PRIVATO E DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE PRODUTTIVE. APPROVAZIONE DI BANDI. RIDETERMINAZIONE DI TERMINI.

Ordinanza Commissariale (O.C.) n. 11 del 05.07.2019


ATTENZIONE!!! PROROGATI I TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO DI CUI ALLA PRECEDENTE ORDINANZA COMMISSARIALE (O.C.) N. 10 DEL 04.06.2019

COMMISSARIO DELEGATO
PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA
DEGLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO
IL TERRITORIO DELLA REGIONE VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018.
(Delibera del Consiglio dei Ministri dell’8 novembre 2018 e Ordinanza del Capo
del Dipartimento della Protezione civile n. 558 del 15 novembre 2018)

ORDINANZA n. 11 del 5 luglio 2019


OGGETTO: Legge 30 dicembre 2018 n. 145, art. 1 comma 1028. D.P.C.M. 27 febbraio 2019 artt. 3,4 e
5. Interventi per il ripristino del patrimonio abitativo privato e delle attività economiche
produttive. Approvazione di bandi e determinazione in ordine alle attribuzioni dei Soggetti
Attuatori. Rideterminazione di termini e disposizioni finanziarie.


IL COMMISSARIO DELEGATO


PREMESSO CHE:
· nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da
particolari eventi meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al
patrimonio pubblico e privato nelle aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti
venti, mareggiate, frane e smottamenti;
· con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR
n. 114 del 16 novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi
del "Protocollo operativo per la gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di
Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio 2013);
· con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da
successivo decreto n. 139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a
seguito delle criticità riscontrate è stato dichiarato lo “stato di crisi” ai sensi dell’art. 106, co. 1 lett.
a), della L.R. n. 11/2001;
· con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del
Consiglio dei Ministri, ai sensi dell’art. 23, co. 1 del D.Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la
mobilitazione straordinaria del Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del
Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
· con Delibera del Consiglio dei Ministri dell’8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15
novembre 2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell’art. 7, co. 1 lett. c) e
dell’art. 24 del D.Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal
provvedimento medesimo, lo “stato di emergenza” nei territori colpiti dall’evento;
· con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20
novembre 2018, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con la Regione del Veneto,
ha nominato il Presidente della Regione Commissario delegato, per fronteggiare l’emergenza
derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
VISTA la Legge 30 dicembre 2018 n. 145, legge di stabilità 2019, art.1 comma 1028, che ha stabilito di
assegnare alle regioni colpite dagli Eventi meteo dell’Autunno del 2018 nonché dagli ulteriori stati di
emergenza formalmente deliberati e conclusi da non oltre sei mesi alla data del 31/12/2018 la somma
complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l’esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per ciascuno dei successivi esercizi 2020 e 2021;
DATO ATTO CHE a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento della Protezione Civile con note
commissariali prot. n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con nota del
Direttore dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio prot. n. 509559 del 13 dicembre 2018 relativa alle
segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
(D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 (G.U. n. 79 del 3 aprile 2019) è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;

CONSIDERATO CHE, PER QUANTO CONCERNE LE ENTRATE E LE USCITE DELLE RISORSE FINANZIARIE:
Con riferimento alle risorse finanziarie, dato atto che il provvedimento in argomento non da’ luogo ad
impegno ma dispone in ordine unicamente all’approvazione di bandi riferendosi alle somme accantonate a
tale scopo: si rinvia, pertanto, per il quadro economico all’allegato A) della O.C. n. 9 del 22 maggio 2019;

DATO ATTO IN PARTICOLARE CHE:
· gli artt. 3, 4 e 5 del predetto D.P.C.M. 27 febbraio 2019 individuano i criteri e le modalità in ordine
all’ erogazione dei contributi a favore dei soggetti privati e titolari di attività produttive per far fronte
ai danni causati dall’evento in argomento;
· che i medesimi articoli dispongono in ordine ai beneficiari, alle tipologie di danno ammissibile, alle
intensità degli aiuti sia percentuali che massimi;

CONSIDERATO CHE:
· con l’ Ordinanza n. 10 del 4 giugno 2019 sono state approvate le modalità di presentazione delle
domande di contributo di cui ai predetti articoli di legge ed in particolare n. 5 avvisi per ciascun
profilo di beneficiario come di seguito meglio specificato:
- Allegato A per le imprese del settore agricolo;
- Allegato B per le imprese del settore acquacoltura e pesca;
- Allegato C per le imprese del settore foreste;
- Allegato D per le imprese di settori diversi da quelli agricolo, forestale, dell’acquacoltura e
pesca;
- Allegato E per i soggetti privati;
contenenti le modalità di presentazione delle domande e la determinazione della scadenza alla data
del 10 luglio 2019 per la presentazione delle stesse;

CONSIDERATO che recentemente, da più soggetti (associazioni professionali, associazioni di categoria, regole
ed altri) sono pervenute segnalazioni in ordine all’impossibilità di reperire, nei tempi prescritti, personale
tecnico in grado di garantire il complessivo fabbisogno tecnico per la compilazione delle domande con
particolare riferimento alla necessità di predisporre la perizia asseverata di cui all’art 5 del D.P.C.M. 27
febbraio 2019;

DATO ATTO , tuttavia, che, al fine di garantire l’efficace attribuzione delle risorse nell’ambito del finanziamento
relativo all’esercizio 2019, di cui al medesimo DPCM laddove si prevede che, le contrattualizzazioni degli
impegni siano adottate entro il 30 di settembre del corrente anno, è necessario consentire un adeguato
termine istruttorio stabilito con la medesima ordinanza in 30 giorni consecutivi alla scadenza di presentazione
delle domande, nonché dei previsti termini di interruzione del procedimento per sanare eventuali carenze
stabilito in giorni 10, nonché dei termini di predisposizione degli atti finali, non risulta possibile dilazionare
significativamente il termine di presentazione delle istruttorie;

TENUTO CONTO altresì, che il predetto DPCM prevede che, i finanziamenti relativi alle azioni ivi previste
abbiano carattere triennale, prevedendo per il Veneto lo stanziamento di Euro 261.661.969,25 per entrambi
gli esercizi 2020 e 2021.

RITENUTO, fermo restando quant’altro disposto dalla citata O.C. 10 del 4 giugno 2019, di accogliere
parzialmente le richieste come sopra formulate prorogando il termine del 10 luglio 2019 al 19 luglio 2019 alle
ore 13,00, con la precisazione che i relativi contributi saranno riconosciuti , nel limite delle risorse disponibili,
nell’ambito di finanziamenti di cui all’esercizio 2019 ed inoltre autorizzando la presentazione delle domande e
delle relative perizie asseverate, da presentare con le medesime modalità di cui agli Avvisi da A) ad E), entro
il termine ultimo del 30 settembre 2019, senza ulteriori termini per l’eventuale integrazione di
documentazione, con la precisazione che potranno trovare copertura nell’ambito dei successivi esercizi 2020
– 2021.;

VISTI
· il decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1;
· l’O.C.D.P.C. n. 558/2018;
· il D.P.C.M. del 27/02/2019
· le precedenti Ordinanze Commissariali;


D I S P O N E

ART. 1
(Valore delle premesse)
1. Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

ART. 2
(RIDETERMINAZIONE DEI TERMINI E IMPUTAZIONE ECONOMICA )
1. Fermo restando quant’altro disposto dalla O.C. 10 del 4 giugno 2019 nonché quanto stabilito negli
allegati Avvisi da A) ad E) alla medesima Ordinanza:
- il termine di presentazione delle domande di contributo di cui agli artt 3, 4 e 5 del DPCM 2019
stabilito negli Avvisi da A) ad E) allegati alla O.C. 10 del 4 giugno 2019 al 10 luglio 2019 con le
modalità di cui ai medesimi Avvisi, è prorogato al 19 luglio 2019, entro le ore 13,00, ed i relativi
contributi saranno riconosciuti, nel limite delle risorse disponibili, nell’ambito dei finanziamenti di cui
all’esercizio 2019;
- le domande e le relative perizie asseverate potranno, altresì, pervenire con le medesime modalità di
cui ai predetti Avvisi da A) ad E), entro il termine ultimo del 30 settembre 2019, senza ulteriori
termini per l’eventuale integrazione di documentazione contrariamente a quanto disposto negli
Avvisi come sopra specificati, trovando copertura nell’ambito dei successivi esercizi 2020 – 2021.

ART. 3
(Ulteriori disposizioni)
1. Il presente provvedimento può formare oggetto di successiva integrazione sulla base di specifiche
esigenze o criticità che dovessero emergere in relazione allo svolgimento delle attività.

ART. 4
(Pubblicazione)
1. La presente Ordinanza commissariale è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto,
sul sito internet della Regione del Veneto all’apposita sezione dedicata nell’area delle gestioni
commissariali e post emergenziali e trasmessa ai Soggetti interessati.

Il Commissario delegato
F.to Dott. Luca Zaia

Allegati Notizia

Data ultimo aggiornamento: 09/07/2019
Loc. Capoluogo 2 - cap. 32023 - ROCCA PIETORE (BL)
P.Iva e c.f. 00145870259 - telefono (centralino) 0437721178 - fax 0437721637 ...Conto Corrente Postale (ccp) 11693322 ... IBAN:__ IT_39_I_02008_61000_000002748026 - C/C Tesoreria Unica Banca Italia Comune di Rocca Pietore n. 302856 - codice univoco per fatture: UF1V0M (attenzione zero e non o)
e-mail: protocollo.rocca@agordino.bl.it ...PEC : comune.roccapietore.bl@pecveneto.it;